Educazione alimentare: l’importanza di nutrirsi fin da bambini

L’educazione alimentare, così come la psicoeducazione alimentare, deve iniziare fin dall’infanzia. Questo perché si tratta della fase migliore per installare abitudini alimentari sane che ci accompagneranno per tutta la vita e ci permetteranno di vivere in salute, spesso senza malattie dovute alla malnutrizione. Per questo motivo, l’educazione alimentare dei bambini ricopre un ruolo importante su cui porre l’accento.  

Infatti, la famiglia e la scuola hanno la responsabilità di impartire una corretta educazione alimentare, fornendo strumenti preziosi per costruire sane abitudini alimentari e acquisire stili di vita sani. In sostanza, abbiamo bisogno di una cultura alimentare che ci renda consapevoli dell’importanza del cibo. 

Ecco che nel corso di questo articolo ti spieghiamo cos’è l’educazione alimentare e perché è così importante. 

Cos’è l’educazione alimentare? 

L’educazione alimentare non riguarda solo le informazioni nutrizionali. È proprio un tipo di educazione orientata all’adozione volontaria e naturale di abitudini alimentari il cui obiettivo finale è promuovere il benessere a 360°

Quindi, si tratta di un processo che consiste nell’imparare a scegliere e gustare tutti gli alimenti e a conoscerne la frequenza e le quantità raccomandate. Non solo. Aiuta anche a comprendere i benefici che il loro consumo comporta per l’organismo. 

C’è un però. Tutto ciò può essere ottenuto incoraggiando diversi tipi di attività in ambito familiare, educativo e industriale. Partecipare all’acquisto e alla preparazione dei pasti a casa, promuovere momenti in cui parlare dei diversi gruppi di alimenti e dei nutrienti, insegnare l’importanza dell’igiene alimentare, facilitare la scelta degli acquisti. Queste sono alcune delle azioni che danno forma al concetto di educazione alimentare e agiscono come fattori di prevenzione delle malattie legate all’alimentazione. 

Per esempio, un bambino che impara a mangiare in modo sano ha maggiori probabilità di continuare questo comportamento in età adulta e, di conseguenza, può essere più sano in futuro. 

Ecco perché l’educazione alimentare assume una rilevanza particolare e diventa un’esperienza di apprendimento che ci fornisce gli strumenti migliori per prenderci cura della nostra salute, del nostro benessere e della nostra qualità di vita nel tempo. 

Pasti dei bambini

Tipi di educazione alimentare 

Arrivati a questo punto è necessario focalizzare l’attenzione sui diversi tipi di educazione alimentare. In linea di massima, possiamo distinguerne due tipologie. 

  • Educazione alimentare non formale. Questa è rivolta alla popolazione attraverso i mass media. Nel nostro Paese, come nel resto dei Paesi sviluppati, i media principalmente utilizzati sono la radio, la televisione e la stampa. Negli interventi radiotelevisivi, di solito partecipano uno specialista dell’argomento da trattare, persone che rappresentano la popolazione a cui è rivolto l’intervento e talvolta personaggi noti come attori, sportivi, ecc. Infatti, la loro opinione è di interesse per il gruppo sociale a cui si rivolgono e quindi favoriscono il processo educativo

D’altra parte, esiste anche un altro campo di azione nutrizionale non formale. È quello che si svolge nelle istituzioni comunitarie, come le case di riposo, gli asili, le scuole, il cui vantaggio è il possibile intervento attivo del discente. 

  • Educazione alimentare formale. È quella che si riceve nelle scuole. In questa fase i bambini sono nelle migliori condizioni per individuare e correggere i diversi errori nutrizionali. 

Tuttavia, la realtà ci dimostra che le informazioni offerte non sono sempre affidabili. In molte occasioni, sebbene il messaggio di fondo possa essere vero, non offrirlo nella sua interezza si traduce in disinformazione. 

Perciò è importante che i cittadini sviluppino una propria capacità di giudizio per evitare la disinformazione diffusa attraverso la pubblicità, dove si spendono ingenti somme di denaro per stimolare il consumo di determinati prodotti come le bevande alcoliche. 

In realtà, anche gli enti ufficiali svolgono campagne di informazione, ma a causa dei vincoli finanziari l’impatto sulla popolazione è molto minore. 

Verdure e mani dei bambini

I problemi dati da una squilibrata alimentazione 

Perché l’educazione alimentare è importante? Perché la malnutrizione è un problema globale ed è causata da diete non salutari. I rapporti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità rivelano infatti che nell’Unione Europea il 30-70% degli adulti è in sovrappeso, mentre il 10-30% è obeso. Ma, cosa ancora più allarmante, gli stessi dati prevedono che entro il 2030 più della metà della popolazione europea sarà obesa. 

Inoltre, si stima che la maggior parte delle persone obese o in sovrappeso soffra di carenze di micronutrienti e non assuma gli alimenti necessari per una vita sana. 

Educazione alimentare per bambini 

Uno dei migliori strumenti per prevenire malattie e disturbi alimentari nei bambini è l’educazione alimentare. Pertanto, il fatto che un bambino abbia ricevuto una corretta educazione alimentare fin da piccolo significa che, nella maggior parte dei casi, avrà un’alimentazione sana ed equilibrata in età adulta. 

Capiamo meglio la questione. Un dato piuttosto allarmante ci segnala che circa il 45% dei decessi di bambini sotto i 5 anni nel mondo è legato alla denutrizione. I problemi di salute causati da queste abitudini alimentari scorrette sono diversi, dall’obesità, al diabete, fino alle malattie cardiovascolari e ai problemi digestivi. Quindi, da dove si può iniziare? Innanzitutto è essenziale evitare orari irregolari per i pasti, saltare i pasti, mangiare quantità molto elevate di cibo, consumare troppi grassi e zuccheri tanto amati dai bambini. 

L’altra faccia della medaglia dell’educazione alimentare per i bambini è rappresentata dai 170 milioni di bambini che hanno una dieta inadeguata a causa della povertà. Per loro, i primi tre anni di vita sono di vitale importanza in termini di alimentazione. Senza il cibo di cui hanno bisogno, hanno maggiori probabilità di soffrire di malattie di ogni tipo e di avere risultati scolastici peggiori nel corso della loro vita. 

Inoltre, secondo l’OMS, circa il 45% dei decessi di bambini sotto i cinque anni è legato alla malnutrizione. La maggior parte di questi decessi si verifica nei Paesi a basso e medio reddito. Paradossalmente, questi stessi Paesi registrano anche tassi crescenti di sovrappeso e obesità infantile. 

Educazione alimentare: inizia dallo svezzamento

Il metodo Meta Experience

«È difficile, lo comprendo anche come madre, ma insegnare a saper scegliere e a gestire il cibo consapevolmente, senza eccessi né rinunce, fa parte del nostro ruolo di educatori. Forse per me è stato un gioco facile, ma lo può essere anche per te!» 

Educa il tuo bimbo a un’alimentazione sana con il metodo Meta Experience. Fai i primi passi verso il cambiamento leggendo il mio libro “La tua dieta sei tu”. Un percorso per iniziare a sorridere a te stesso e alla vita, e ottenere risultati inaspettati, concreti e duraturi. 

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Lascia un commento